Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione accetti il nostro utilizzo dei cookies.

Accetto
Carbonara Club
Il primo club di appassionati di Carbonara
Gli anni spezzati, la carbonara al cognac e Ugo Tognazzi

categoria: cinema-tv
tags: Gli anni spezzati, carbonara al cognac, Ugo Tognazzi


Un gustoso revival gastronomico, che nasce da un'interessante fiction di RAI Uno, Gli anni spezzati, dedicata alla figura del commissario Calabresi e della strage di piazza Fontana.

Nella seconda puntata dell'episodio Il commissario (la serie in realtà è una trilogia che si compone di vari capitoli), trasmessa su RAI Uno l'8 gennaio 2014, a metà circa del filmato (minuto 57), si vede Luigi Calabresi (interpretato da Emilio Solfrizzi) a casa, intento ad armeggiare in cucina.

Entra in casa la moglie del commissario, Gemma Capra (Luisa Ranieri), e lo chiama:

- Gigi… Gigi...
- Sono qua...
-Che stai facendo?
- Avevo voglia di cucinare un po'. Sto preparando la carbonara. Faccio la versione lombarda, quella con il cognac...


E qui troviamo la nostra sfiziosa curiosità. Perché se è vero che tradizionalmente non esiste una variante lombarda della carbonara (e se qualcuno invece la conosce, ce lo comunichi), è altrettanto vero che la carbonara al cognac esiste eccome, e proviene proprio da un illustre figlio della Lombarda.

Stiamo parlando del cremonese Ugo Tognazzi, attore e gourmet sopraffino, che proprio del distillato francese aveva fatto un tratto tipico della sua sperimentazione culinaria. Certo, le prime testimonianze della ricetta - dove il cognac è utile per sfumare la pancetta - risalgono ai suoi libri datati inizio anni Ottanta (Calabresi in realtà era morto già da tempo), ma in nome del gusto perdoniamo volentieri agli autori della fiction questo anacronismo...
RICETTE, RISTORANTI, NEWS
FACEBOOK
Editore Motoperpetuopress srl, via Giovanni Severano 5, 00161 Roma - Tel. 06.44.20.25.96 - Fax 06.44.25.44.26 - PI 07896411001 - www.motoperpetuopress.com
Registrazione Tribunale di Roma n. 403/2008 del 20/11/2008 - Direttore responsabile: Stefano Belli - DISCLAIMER