Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione accetti il nostro utilizzo dei cookies.

Accetto
Carbonara Club
Il primo club di appassionati di Carbonara
Arkakao, la buona carbonara di Buenos Aires

categoria: ultime-notizie
tags: Arkakao, Buenos Aires


Viaggiare bello, si sa, ma a volte a noi italiani facile che ci colga un po' di nostalgia di casa, soprattutto della cucina di casa. D'altronde, se al cuore non si comanda, figuriamoci allo stomaco!
E cos, in Argentina, dopo tanto asado ed empanadas, umano che venga voglia di un po' di pasta, magari di una bella carbonara...

quello che accaduto al nostro amico Edoardo, tornato di recente da un lungo viaggio nella capitale portea, che ci ha raccontato la sua avventura. E dunque s, cpita dopo qualche giorno che si senta voglia di casa e di qualche buon piatto di pasta, cosa che nei ristoranti argentini difficile trovare (la fanno scotta).

Edoardo si messo dunque alla ricerca di un buon ristorante italiano ed approdato a Recoleta (un quartiere residenziale nel centro di Buenos Aires) da Arkakao, che dal 1878 propone "un espacio gourmet con acento italiano".

Fondato da Marco Amodeo e Giovanni Girardini, provenienti da Aosta, Arkakao stato dapprima (e tuttora) un'apprezzata gelateria, cafeteria e sala da t, cui si poi aggiunto un altrettanto rinomato ristorante.

E qui i nostri amici carbonari hanno potuto dare sfogo alla loro fame italica: non solo con il nostro piatto preferito (che stato subito ordinato e fotografato, ovviamente), ma anche con altre ricette tipiche come l'Amatriciana, la pasta alla Norma, le penne alla puttanesca. gli spaghetti al pesto o ai frutti di mare...

Tutto molto buono, ci dicono, e anche economico: 72 pesos per un ricco piatto di carbonara, meno di 9 euro....
RICETTE, RISTORANTI, NEWS
FACEBOOK
Editore Motoperpetuopress srl, via Giovanni Severano 5, 00161 Roma - Tel. 06.44.20.25.96 - Fax 06.44.25.44.26 - PI 07896411001 - www.motoperpetuopress.com
Registrazione Tribunale di Roma n. 403/2008 del 20/11/2008 - Direttore responsabile: Stefano Belli - DISCLAIMER