Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione accetti il nostro utilizzo dei cookies.

Accetto
Carbonara Club
Il primo club di appassionati di Carbonara
Ieri, oggi, domani: viva la Carbonara!

categoria: ultime-notizie
tags: Eataly Roma, Food & Wine Festival, Davide Scabin


"Ieri, oggi, domani" Ŕ il titolo del famoso film di Vittorio De Sica, che vinse l'Oscar nel 1965. Ieri, oggi, domani potrebbe essere anche il claim dell'edizione 2013 del Roma Food & Wine Festival, che si Ŕ da poco conclusa chez Eataly.

Protagonisti dell'evento sono stati infatti cinque piatti "doc" della cucina mediterranea - il vitello tonnato, il pollo, il baccalÓ, il couscous e, ovviamente, la carbonara - proposti in chiave classica, contemporanea o addirittura futuribile, interpretati da grandi chef.

Sul men¨ completo della manifestazione vi rimandiamo alla notizia giÓ apparsa in precedenza. Veniamo invece al nostro piatto preferito e alle sue tre declinazioni: ieri, oggi, domani, come dicevamo.

La tradizione Ŕ stata rappresentata da un inedito quartetto, composto dalla doppia coppia Alessandro Pipero & Lucio Monosilio, di Pipero al Rex, pi¨ Alessandro Roscioli e Hadj Hassen Nabil, di Salumeria Roscioli: una carbonara classica, anzi due, ma sempre eccellenti. Un evergreen d'autore, che i gourmet romani conoscono ed apprezzano da tempo, e la cui fama si Ŕ estesa ben oltre i confini della capitale.

L'oggi ha avuto le sembianze di Christian e Manuel Costardi con la loro Costardi's Carbonara, modulata sull'adozione del risotto (un piatto che Ŕ quasi una firma per i due fratelli, che lo propongono in infinite varianti nel loro ristorante a Vercelli) al posto della pasta e racchiusa addirittura in un barattolo che ricordava quelli Campbell cari ad Andy Warhol.

Aspetto scenico-artistico a parte, il risultato, spingendosi in profonditÓ dalla
sommitÓ alla base, per raccogliere tutti gli strati, Ŕ stato decisamente interessante, apprezzato anche dai romani poco abituati al riso tout court.

Ma Ŕ certamente sulla ricetta di domani che vale la pena di spendere due parole in pi¨: futuribile giÓ nel nome - anzi, forse anche futurista... - che Ŕ quello di Gnocchi alla romanara, sintesi dinamica di due piatti della tradizione capitolina, come gli gnocchi alla romana e la carbonara, per l'appunto. Ma dall'unione di due classici non Ŕ detto che se ne abbia un terzo, soprattutto se a rivisitarli Ŕ chiamato uno sperimentatore estremo come Davide Scabin, chef del Combal.Zero di Rivoli (TO).

Come potete osservare chiaramente nella foto, la sua carbonara Ŕ
certamente lontana da ogni canone classico (e forse proprio in questo sta la sua forza): una mattonella di semolino con besciamella, guanciale, pecorino, un'emulsione di crema di carbonara e spaghetti al nero di seppia fritti in cima a tutto per dare l'idea della croccantezza e fornire un contrasto cromatico.

Da accompagnare (non dimentichiamoci che il nome del festival Ŕ Food & Wine...) con grandi vini come l'Ager Falernus Black Magic 2011, Trediberri Barolo 2009, Fabrizio Dionisio Castagno Syrah 2009, Fattoria dei Dolfi Imeneus 2009, Giacomo Borgogno Barolo Fossati 2008, oppure ancora - per gli esteti della birra - una Rossa Moretti.

Abbiamo assaggiato anche questa Carbonara, anzi Romanara, e l'abbiamo
trovata intrigante e sfiziosa. Oltre che buona, naturalmente!
RICETTE, RISTORANTI, NEWS
FACEBOOK
Editore Motoperpetuopress srl, via Giovanni Severano 5, 00161 Roma - Tel. 06.44.20.25.96 - Fax 06.44.25.44.26 - PI 07896411001 - www.motoperpetuopress.com
Registrazione Tribunale di Roma n. 403/2008 del 20/11/2008 - Direttore responsabile: Stefano Belli - DISCLAIMER